le7piumed'oro

camminare la parola in armonia, bellezza ed equilibrio


Lascia un commento

È questa la menopausa? Susun Weed

Ecco il primo della serie:
il capitolo introduttivo del Libro “New Menopausal Years” di Susun Weed, traduzione Melissa Doordaughter e Margherita Arkaura

Susun Weed

È questa la menopausa?   
Preparando il viaggio              

“Non è oggi, il giorno migliore per cominciare?” chiede la Nonna Crescita.  “Se tu sei abbastanza grande per chiedere ‘E questa la menopausa?’ allora sei abbastanza grande per programmare il tuo viaggio verso la donna anziana che stai diventando.  Raccogliamo tutto ciò che serve.  Questo è il momento per cominciare il tuo viaggio nel Mutamento.”
“E’ questa la menopausa?” è una domanda che si risponde da sola.  
Quando chiedi, il processo è iniziato.  Qualcosa è cambiato, altrimenti, non avresti chiesto.  Cicli irregolari?  Una caldana occasionale? Se tu hai più di quaranta anni, stai sicuramente iniziando i tuoi anni della menopausa (e per alcune donne i cambiamenti iniziano anche prima).

“E’ questa, la menopausa?” È  rara la donna che mestrua ininterrottamente ogni 28 giorni, una volta al mese, finché un mese semplicemente smette.  Per la grande parte di noi, la menopausa è un processo che dura anni, non un preciso, conoscibile punto finale.
“E’ questa, la menopausa?”  In tempo lineare, nella mente di tanti medici e ginecologi, la menopausa è un evento singolo, una fine precisa.  Tutto, fino a l’ultima goccia di sangue, si chiama “pre-menopausa” e tutto dopo l’ultima goccia di sangue, si chiama “post-menopausa”. (nota: in italiano è un po’ diverso: premenopausa è il climaterio, il periodo di cicli irregolari precedente l’ultimo sangue e con menopausa si intende tutto il tempo dopo la fine del ciclo)
In questo modo di pensare, non esistono donne in menopausa, ci sono solo donne premenopausa, o post-menopausa.  Questo è come definire la pubertà soltanto la prima goccia di sangue e niente di più. Per la donna saggia, per la donna che sta vivendo la menopausa, è un processo a spirale nel tempo.  Un processo che cambia e muta perfino mentre passa attraverso noi, così  non sappiamo mai  che cosa aspettarci di giorno in giorno durante il Cambio.
“E’ questa, la menopausa?”  Tu ipotizzi quando salti un ciclo, e poi, sanguini in modo normale per un anno.
“E’ questa, la menopausa?”  rifletti, mentre lotti per capire i  tuoi nuovi appetiti e preferenze sessuali.
“E’ questa, la menopausa?”  Tu speri disperatamente mentre il sangue  fluisce fuori da te a torrenti.
“E’ questa, la menopausa?” 
Poiché hai chiesto, si!
E ci sono dei preparativi che puoi fare adesso per facilitare  il tuo viaggio di metamorfosi, cambiamento, iniziazione come donna completamente matura.

 “E’ questa, la menopausa?” ti chiedi, quando ti togli il maglione mentre tutti gli altri sembrano di avere freddo.
“E’ questa, la menopausa?” Supponi, quando la mestruazione ricomincia 13 giorni dopo il tuo ultimo ciclo.
Sì, questa è la menopausa, i tuoi anni di climaterio  sono iniziati.  Fai alleanza con le piante che sostengono gli ormoni, adesso. Esse  possono moderare gli abbondanti flussi di sangue della menopausa e stabilizzare la conclusione dei tuoi cicli mestruali.  Loro nutrono e tonificano le ghiandole che sono in trasformazione durante la menopausa, così  tu puoi incontrare i tuoi lampi (di calore! di visioni!) con più serenità.

“E’ questa, la menopausa?”  pensi, quando ti svegli, in panico, sudando e butti per terra tutte le coperte.
“E’ questa, la menopausa?”  domandi, mentre contempli i tuoi primi capelli bianchi…. Le tue prime rughe serie…. La consistenza più morbida della tua pelle… Il modo in cui la tua pancia e i tuoi seni son cresciuti e vanno sempre più giù con la forza della gravità.
“E’ questa, la menopausa?”  sospetti quando ti trovi a dormire meno, ma ricca di  succhi creativi.
“E’ questa, la menopausa?”  chiedi, notando che adesso digerisci tutto diversamente (cibo, persone, eventi).
“E’ questa, la menopausa?”  sospiri, stanca fino alle ossa, mortalmente stanca, profondamente esausta.
Questa è la menopausa e non sei sola.  Questa è la menopausa, non importa quello che dice il dottore.  Stai iniziando il tuo Cambio e tu puoi cambiare con grazia e umorismo.  Lascia che le erbe e altri cibi ricchi di acidi grassi essenziali ti aiutino a Cambiare.  Essi  limitano i disturbi cardio-vascolari (caldane, sudorazione, vampe), rinforzano il fegato, aiutano a tenere alto il  livello di energia e il cuore sano.
Lascia che le erbe e cibi ricchi di calcio e minerali ti diano un sonno più profondo, emozioni più uniformi e vecchie ossa forti. (Più ossa  costruisci prima della menopausa,  più ne avrai come crona).
I cambiamenti fisici/mestruali/emozionali e sessuali che accompagnano la menopause possono essere spaventosi.  Lascia che Nonna Crescita ti aiuti.  Lei conosce le vie dei misteri femminili.  Lei vive alla maniera della Donna Saggia, guarendo e rendendo integri le persone e il pianeta.  Lei offre Storie sul  Cambiamento.  Nuovi modi per capire gli anni della menopausa, e nuove visioni della Donna Anziana, Colei-Che-Trattiene-Il-Sangue-Saggio-Dentro.
“Iniziamo?”

Traduzione a cura di Melissa Doordaughter e Margherita Arkaura

Per la riproduzione (anche parziale) del testo per fini non commerciali, è necessario chiedere autorizzazione all’autore e citare la fonte.


Lascia un commento

Piante Maestre

Diventare una persona delle piante, una sapiente della magia verde, non è un processo di apprendimento, è un processo di ricordo. Da qualche parte nel nostro lignaggio ancestrale, c’era qualcuno che viveva profondamente legato alla Terra, agli Elementi, al Sole, alla Luna e alle Stelle. Questo antenato vive nel nostro DNA, dormiente, non espresso, in attesa di essere ricordato e riportato in vita per mostrarci la vera natura ecologica della nostra anima, sia essa druidica, indigena o sciamanica.
Sajah Popham #magaverde

5221_1003988823003653_3925961521753708379_n

Ho un grande amore per le erbe e le piante, esse per me sono alleate, sono bellezza, sono medicina e sono nutrimento. Da bambina parlavo con i fiori ed essi mi rispondevano.

Gran parte di quello che ho imparato su di loro mi è stato trasmesso da donne amiche e maestre in modo semplice a diretto, raccogliendo, preparando e raccontando… prima tra tutte mia nonna paterna che mi chiedeva di accompagnarla a prendere le erbe che usava per cucinare, fare tisane o per gli animali.

Nelle Donne Medicina che ho incontrato molti anni più tardi ho ritrovato la stessa semplicità, unita a grande dimestichezza con i mondi invisibili e un profondo legame con la natura, la Terra nostra Prima Madre. In questa Semplice Sacra Conoscenza ho trovato la Casa della mia anima e la bellezza di entrare in un bosco o in un prato sapendo di essere “sentita” e accolta da tanti esseri intelligenti e sensibili. Il regno vegetale ci insegna l’armonia e la salute, ci regala colori e profumi. Infatti in alcuni linguaggi indigeni il termine usato per definire le piante si può tradurre con “quelle che si prendono cura di noi”.

Mi piace condividere nello stesso modo quello che ho imparato: in cerchio, in semplicità, nel fare insieme… non sono erborista, né accademica, trasmetto ciò che pratico nel quotidiano unito alle tecniche sciamaniche che aiutano a entrare in contatto diretto con lo spirito delle piante. L’Alchimia si crea così: entrando in connessione con i nostri parenti verdi con presenza e rispetto.

IMG_20190629_104211.jpg

Ogni incontro nella magia delle piante è ricchissimo di doni: il bosco che ci accoglie e accompagna generosamente nella bellezza visibile e nel suo aspetto invisibile … la Natura che parla a ognuno rivelando tracce e ricordi… i sensi che si affinano… gli occhi e il cuore di ogni anima meravigliosa che si mette in gioco…. i momenti nel tempo Kairos… le voci che intessono armonie di altri tempi e altri luoghi.
e non  resta che ringraziare
con profonda gratitudine
Arkaura

PRE-RM01330800885

oak forest,

 

*** La nonna mi disse: “Ricorda, bambina, che le piante sono qui da quando Madre Terra è Madre. E noi siamo le sue figlie. Veniamo dopo … Contengono la memoria sacra delle nostre radici. ” ***